Home > Le guide > Ricovero

Ricovero

Le informazioni utili in vista del ricovero presso una delle strutture di Fondazione Monasterio, sia per i ricoveri d’urgenza che programmati: modalità di accesso, accettazione, norme e routine della degenza.

Informazioni e servizi

1

Accesso al ricovero urgente

Gli Ospedali della Fondazione Toscana Gabriele Monasterio non sono sede di Pronto Soccorso.
Si accettano ricoveri in urgenza, per le discipline di competenza (cardiologia, cardiochirurgia, pneumologia), con le seguenti modalità:

 

  • richiesta di ricovero dal 118: la Fondazione è punto di riferimento (hub) per l’angioplastica primaria nella rete sindromi coronariche acute dell’area di competenza territoriale;
  • richiesta di ricovero da Pronto Soccorso di Dipartimento Emergenza Urgenza di altri ospedali;
  • richiesta di trasferimento da reparti di altri ospedali, da cui i pazienti giungono per cure urgenti e indifferibili;
  • disposto dal medico di guardia su indicazione del medico di famiglia o dello specialista per cure urgenti e indifferibili.
2

Accesso al ricovero programmato in degenza ordinaria

Viene proposto dal medico di medicina generale o dallo specialista di riferimento. Può essere disposto solo da uno degli specialisti interni, previa condivisione del caso con il responsabile del reparto e con gli altri specialisti coinvolti al fine di individuare la strategia diagnostico-terapeutica, il livello assistenziale e la priorità clinica più appropriati. A seguito di tale valutazione multidisciplinare si procede:

  • all’inserimento nella lista dei ricoveri programmati
  • al successivo ricovero, in relazione ai posti letto disponibili.

Per assicurare un accesso alle cure tempestivo ed adeguato alla situazione clinica di ciascun paziente, l’inserimento in lista di attesa e l’ordine di convocazione al ricovero vengono effettuati sulla base di criteri di priorità clinica. In ossequio ai principi di trasparenza ed equità garantiti dal Servizio Sanitario Nazionale, il paziente ha diritto a conoscere il Suo livello di priorità clinica e la Sua posizione nella lista di attesa, facendone richiesta alla Direzione Sanitaria.

Il paziente viene convocato per il ricovero tramite contatto telefonico, nel corso del quale viene comunicato giorno ed orario di ingresso in reparto.

3

Accesso al ricovero programmato in degenza diurna
(day hospital – day surgery)

La prenotazione del ricovero è possibile solamente su richiesta di un medico interno alla struttura dopo una valutazione specialistica che può essere richiesta direttamente dal proprio medico di base o dallo specialista esterno di riferimento. Il percorso prevede gli stessi passaggi previsti per il ricovero ordinario:

  • valutazione clinica multidisciplinare
  • inserimento nella lista day-hospital / day-surgery per priorità
  • convocazione al ricovero

 Per ulteriori informazioni vedi Ospedale Diurno.

4

Accettazione amministrativa del ricovero

L’Accettazione Amministrativa dei ricoveri viene effettuata al Punto Accettazione Ricoveri presente in ciascuno Stabilimento, nei seguenti orari di servizio:

  • Pisa: Sportello Accettazione Ricoveri al primo piano edificio C (chiedere indicazioni all’ingresso in portineria) dalle ore 8.00 alle ore 9.00 e dalle 14.00 alle 15.00 dal lunedì al venerdì, salvo diversa indicazione ricevuta al momento della convocazione a ricovero. 
  • Massa: Sportello Accettazione nell’atrio Piano Terra (ingresso reparti di degenza – lato monti) dal lunedì al sabato dalle ore 7.00 alle 8.00, salvo diversa indicazione ricevuta al momento della convocazione a ricovero.

Il paziente iscritto al SSN che si ricovera con modalità programmata (giunge in ospedale a seguito di una prenotazione di ricovero), prima di accedere in reparto deve presentarsi al Punto Accettazione Amministrativa munito di:

  • Documento identificativo in corso di validità
  • Tessera sanitaria (Carta Sanitaria Elettronica)

In caso di difficoltà da parte del paziente, l’accettazione amministrativa può essere svolta da un suo familiare.

Per i ricoveri d’urgenza un familiare del ricoverato deve presentare al punto Accettazione Ricoveri nel più breve tempo possibile la seguente documentazione:

  • Documento identificativo in corso di validità
  • Tessera Sanitaria (Carta Sanitaria Elettronica)

In caso di chiusura del Punto Accettazione Ricoveri, la procedura di accettazione amministrativa va effettuata al più presto il successivo giorno lavorativo.

Per i pazienti privi di supporto di familiari o accompagnatori su segnalazione del reparto viene attivato un servizio di accettazione amministrativa al letto del paziente.

 

5

Accettazione in reparto

Ospedale San Cataldo (Pisa): dal lunedì al venerdì dalle ore 8:30 alle ore 12:00 e dalle ore 13:00 alle ore 16:00 e il sabato dalle ore 9:00 alle ore 13:00.

Ospedale del Cuore (Massa): dal lunedì al sabato dalle ore 7:30 alle ore 08:00. Salvo indicazioni specifiche da parte del Caposala di reparto.

Il paziente al momento dell’accettazione in reparto è invitato a:

  • presentare la documentazione clinica personale: lettere di dimissione ed eventuali cartelle cliniche di precedenti ricoveri, referti di visite specialistiche strumentali e di laboratorio già eseguiti
  • informare delle terapie in atto, possibilmente con una lista aggiornata compilata dal suo medico di medicina generale / pediatra di libera scelta
  • indicare il nome del medico curante per un eventuale scambio di informazioni con i medici del reparto di ricovero.
6

Ricovero bambini

Uno dei genitori o un altro familiare o altra figura di riferimento, su indicazione dei genitori, può stare con il bambino giorno e notte, salvo diversa disposizione del Responsabile di reparto.

7

Prestazioni sanitarie in regime di attività libero-professionale e camera a pagamento

Vengono erogate prestazioni sanitarie in regime di attività libero – professionale in costanza di ricovero. È possibile scegliere l’equipe medica per eseguire un intervento o una procedura di emodinamica o elettrofisiologia in regime di libera professione intramoenia.  

L’utente può optare anche per i soli comfort alberghieri a pagamento: le relative tariffe sono portate a conoscenza prima del ricovero, al fine di consentire la possibilità di una scelta consapevole e trasparente.
La gestione di questi spazi a pagamento non comporta, ovviamente, alcuna riduzione degli standards assistenziali garantiti nelle camere di degenza ordinaria.

8

La giornata in ospedale

La giornata del degente, nel rispetto dei bisogni fondamentali dell’individuo, è caratterizzata da:

  • Visite e controlli medici
  • Esami diagnostici
  • Somministrazioni terapeutiche

La convivenza all’interno dell’Ospedale è garantita dal comportamento di ciascun degente che osserva il rispetto degli altri ricoverati evitando situazioni di disturbo o di disagio.

Accoglienza in reparto: il paziente ricoverato, viene ricevuto dalla Coordinatrice infermieristica o da infermiere/i che attribuiscono: il posto letto, il comodino, l’armadio, quali elementi fondamentali all’accoglienza. Nei reparti organizzati con il modello del “primary nursing” viene presentato l’infermiere di riferimento. All’ingresso in reparto, il paziente riceve un questionario di gradimento, finalizzato a rilevare la qualità percepita dei servizi, assistenziali ed alberghieri, per consentire di migliorarci costantemente. Il questionario è anonimo e prevede la possibilità di lasciare commenti personali.

Durante la degenza, i pazienti ricoverati devoino seguire le seguenti norme di comportamento:

  • È vietato fumare in qualsiasi punto dell’ospedale
  • Non vanno consumati alimenti non forniti dall’ospedale, salvo diversa autorizzazione medica
  • È consentito l’uso di apparecchi cellulari, fatta eccezione nelle aree a rischio dove siano attivi dispositivi medici elettronici e in particolari situazioni, che verranno di volta in volta segnalate dagli Operatori. Nel rispetto reciproco l’utilizzo del telefono cellulare va evitato nelle ore di riposo e durante le visite mediche e le terapie
  • Il volume degli apparecchi radio, cellulare, etc., va tenuto basso per rispettare il riposo degli altri pazienti. Si suggerisce l’utilizzo di cuffie auricolari.
  • Prima di allontanarsi dal Reparto il degente deve sempre informare il personale in servizio. Per allontanarsi temporaneamente dall’Ospedale, per motivi eccezionali, va chiesta l’autorizzazione al Responsabile medico, il quale potrà negare l’autorizzazione se non compatibile con le condizioni cliniche del paziente. Il paziente ha diritto a chiedere la dimissione contro parere sanitario, che comporta la conclusione del ricovero in corso: per essere successivamente ricoverato il paziente dovrà effettuare una nuova prenotazione, con reinserimento in lista di attesa
  • Per facilitare la pulizia del comodino, non coprirlo con teli o carta; tenere sul comodino solo acqua e bicchiere
  • Buttare cotone, garze, cerotti e altri rifiuti esclusivamente nel cestino in dotazione della camera; mai metterli nelle tazze o sui vassoi del vitto.

Colloqui con i Medici curanti del Reparto: è opportuno rivolgersi alla Capo Sala o al Personale di servizio

Il Personale di servizio è riconoscibile dal tesserino identificativo e dall’uniforme differenziata per ruolo e qualifica:

  • Medico in reparto: divisa e camice bianco
  • Caposala: divisa e camice bianco con bordino blu scuro
  • Infermiere: la divisa bianca con bordino azzurro
  • OTA-OSS-Ausiliario: la divisa bianca con bordino bordeaux
  • Tecnico di radiologia, Tecnico di laboratorio: divisa bianca con bordino verde
  • Fisioterapista: la divisa bianca con bordino arancione

Prima della dimissione avviene sempre un colloquio con il personale medico ed infermieristico per aver chiaro il decorso post-ricovero e/o gli esami di controllo da effettuare.

Al momento della dimissione il paziente riceve dal Medico la “lettera di dimissione” indirizzata al Medico di medicina generale / Pediatra di libera scelta, con la diagnosi, il tipo di eventuale intervento chirurgico eseguito, la terapia medica eseguita e quella consigliata dopo il ricovero, indicazioni sul periodo di convalescenza e la data dell’eventuale successivo controllo medico. Vengono consegnate le impegnative necessarie per le prestazioni di controllo a breve termine.

Farmaci alla dimissione (Legge 405/01 e successive disposizioni regionali): la continuità terapeutica nella fase di dimissione è garantita ai pazienti residenti o con domicilio sanitario nella Regione Toscana con la consegna del primo ciclo di terapia. Per i pazienti non residenti in Regione Toscana la continuità terapeutica è garantita con la consegna di prescrizione su ricettario SSR, per i pazienti pediatrici in trattamento con terapie personalizzate allestite con formula magistrale perché non reperibili in commercio è previsto un percorso apposito che prevede il contatto con il Servizio Farmaceutico dell’Ente di appartenenza e la consegna di quanto concordato tra le Strutture.
Per i pazienti pediatrici in trattamento con terapie personalizzate allestite con formula magistrale perché non reperibili in commercio è previsto un apposito percorso di consegna di quanto necessario tramite contatto con il Servizio Farmaceutico dell’Ente di appartenenza.

Riabilitazione: laddove necessario, dopo un ricovero per problemi cardiologici il medico del reparto attiva in continuità assistenziale il trasferimento del paziente presso strutture esterne accreditate per il percorso di riabilitazione cardiologica.

Dimissione protetta: al fine di evitare un prolungamento della degenza talvolta il paziente viene dimesso dal reparto con un appuntamento fissato per la prestazione da eseguire in regime ambulatoriale necessaria al completamento dell’iter diagnostico e terapeutico del ricovero. A tal fine si ricorda di portare l’impegnativa fornita alla dimissione recante la dicitura “prestazione in dimissione protetta-post ricovero” che dà diritto a non pagare il ticket.

Certificazione per motivi di lavoro o assicurativi: su richiestadell’interessato viene rilasciato il certificato di degenza, relativo al periodo di ricovero, nella forma prevista dalla normativa vigente. Non vengono rilasciate certificazioni relative alla presenza in ospedale di familiari / accompagnatori. Il certificato di prognosi viene rilasciato dal medico che effettua la dimissione.

Scrivici tramite il modulo online

Da qui puoi contattare Fondazione Monasterio per informazioni sulle sue attività, per avere un orientamento o cercare specialisti. Puoi scriverci anche per eventuali suggerimenti o feedback sulla tua esperienza con la Fondazione.